Arti Figurative

Presentazione 

La sezione di Arti figurative offre agli studenti la possibilità di studiare ed apprendere le tecniche pittoriche, scultoree e del disegno. Se si è appassionati del disegno o della creazione di opere scultoree, si può scegliere tra un percorso misto plastico-pittorico, o grafico pittorico. Nel primo caso si potranno acquisire le tecniche per realizzare un bassorilievo per l’ingresso di un museo, una scultura o un’installazione composta da un’opera plastica, un video, una musica o addirittura una performance personale. Nel secondo caso se si possiede un’attitudine pittorica e grafica e un interesse per l’illustrazione, anche digitale, si può scegliere questo percorso e arrivare a rielaborare e reinventare il mondo intorno a se! Nelle materie che caratterizzano l’indirizzo, si impara a progettare un’immagine o una scultura e poi a realizzarle nei laboratori; gli elaborati possono assumere diverse forme: una tela ad olio, un murales, la copertina di un libro, l’illustrazione per una favola, un fumetto.

Visita Aula 98
Laboratorio
Arti Figurative
Visita Aula 100
Laboratorio
Arti Figurative
Visita Aula 106
Laboratorio
Arti Figurative

Triennio

Gli obiettivi specifici di apprendimento per il terzo e quarto anno riguardano il consolidamento delle tecniche grafico/pittoriche e plastico/scultoree utilizzate nel biennio e l’acquisizione della metodologia progettuale; si impara a pianificare la sequenza di sviluppo di un progetto e a presentarlo con lessico appropriato. Si acquisisce la capacità di gestire lo spazio compositivo del disegno, della materia pittorica e plastica, del colore, della luce e dell’ombra; si impara a dare forma alle proprie idee e a comunicare in modo consapevole, usando la grammatica del linguaggio visivo in relazione alle diverse funzioni del proprio elaborato. Vengono inoltre acquisite padronanza e capacità di uso e di sperimentazione delle tecniche e dei materiali, sia per esigenze creative sia per finalità conservative e di restauro. 
Durante il quinto anno si rafforza l’autonomia operativa e la gestione critica delle procedure progettuali e operative dell’ambito pittorico e scultoreo; particolare attenzione è rivolta alla produzione contemporanea e a tutti gli aspetti funzionali e comunicativi della personale ricerca artistica. Si approfondiscono i principi essenziali che regolano il sistema della committenza e del mercato dell’arte e le relative figure professionali, nonché le problematiche relative ai diritti d’autore. 

La progettazione

Nella progettazione la metodologia di lavoro prevede due tempi principali: nella prima parte i docenti assegnano un tema di lavoro e aiutano gli studenti ad approfondirne l’argomento fino ad individuare un concept, che poi sarà sviluppato in modo del tutto personale; partendo dagli schizzi iniziali, viene poi pian piano elaborata un’immagine finale, il bozzetto esecutivo. A questo punto inizia la seconda parte: la realizzazione vera e propria dell’opera, attraverso la fase laboratoriale; nel caso del progetto per un murales, ad esempio, si procederà alla preparazione del muro e poi alla realizzazione del dipinto sulla parete.
Gli spazi dedicati alla progettazione e ai laboratori sono aule grandi e luminose; nell’aula di progettazione è presente una piccola biblioteca d’indirizzo, con testi riguardanti gli artisti e ricchi di immagini utili al processo creativo. Solitamente si lavora approfondendo un argomento prima dal punto di vista contenutistico e poi selezionando delle reference fotografiche, le quali sono poi rielaborate e reinterpretate secondo le personali necessità. Durante la progettazione si realizzano molti disegni, schizzi, bozzetti e prove di colore; ogni scelta è motivata da una precisa intenzione comunicativa ed espressiva. Vedere crescere un progetto, schizzo dopo schizzo, è stupefacente ed emozionante! Realizzato il bozzetto definitivo, si passa all’attività di laboratorio, dove, attraverso diverse prove e sperimentazioni, vengono scelte le tecniche più adatte in relazione alle caratteristiche dell’opera finale.

Il laboratorio

Nei laboratori di Arti figurative si impara a conoscere e ad usare, facendone esperienza, le tecnologie, gli strumenti e i materiali della pittura e della scultura, tradizionali e contemporanei. Si rende concreto il progetto ideato e si dà corpo a un’emozione, un sentimento, un concetto, attraverso uno stile pittorico, grafico o scultoreo.  Inoltre si impara a scegliere attentamente i materiali da utilizzare per la realizzazione dei propri elaborati, tenendo sempre conto delle esigenze estetiche e concettuali, ma anche delle problematiche pratiche relative alle proprietà, alla durata nel tempo e all’impatto che gli stessi materiali hanno sull’ambiente. Importante è l’approfondimento della figura umana, che viene svolto nel laboratorio della figurazione con il disegno e la modellazione, attraverso lo studio dell’anatomia artistica e l’osservazione dal vero del modello vivente in un atelier dedicato. 
I laboratori di Arti figurative sono animati dal colore e dalle forme che in questi luoghi magici prendono corpo e vita! Gli elaborati possono essere disegni, dipinti su tavola, su carta, su tela, con le tecniche dell’olio, dell’acquerello, della tempera o murales, mosaici, affreschi, o ancora immagini fotografiche, video, bassorilievi, sculture a tutto tondo, calchi in gesso, in gomma siliconica, in resina, terracotte o ceramiche dipinte, sculture in legno ed altri materiali.

Aula 112
Laboratorio
Arti Figurative
Aula 132
Laboratorio
Arti Figurative
Aula 143
Laboratorio
Arti Figurative

Attrezzature

Nei laboratori di pittura sono a disposizione diverse attrezzature: tavoli luminosi molto utili per l’elaborazione dei disegni, pennelli, strumenti specifici e necessari alla realizzazione delle diverse tecniche di disegno e di pittura, come matite colorate, pennarelli, colori di ogni tipo (acrilico, olio, acquerelli, tempere, pigmenti puri). Sono presenti inoltre una taglierina per dimensionare i fogli di lavoro, un torchio per le tecniche di stampa calcografiche e una rastrelliera per mettere ad asciugare i dipinti. Una parte del laboratorio è inoltre fornita di computer e tavolette grafiche per l’elaborazione di immagini in digitale. 
Nei laboratori di discipline plastiche è possibile trovare supporti per la scultura a rilievo e a tutto tondo, attrezzature specifiche per la scultura (scalpelli, mazzuole, raspe, lime, spatole, ecc.), un forno per la cottura di elaborati in creta e attrezzature software e hardware per realizzare la stampa in 3D di un progetto digitale.
La sicurezza nei laboratori è garantita da spazi ampi e ben areati; l’istituto può contare inoltresu terrazzi e spazi all’aperto che talvolta vengono utilizzati per svolgere attività curriculari ed extracurriculari.

Progetti e concorsi

Spesso gli studenti della sezione vengono coinvolti negli allestimenti di mostre e partecipano a progetti o concorsi, in questo modo essi fanno esperienza e si appropriano della capacità di esporre il proprio progetto, imparando ad aver cura anche degli aspetti estetici e comunicativi. Si tratta di progetti d’istituto o collaborazioni con enti esterni, soggetti pubblici o privati; ormai decennale è il contest “Colorambiente” promosso dall’azienda Orim, che vede gli studenti protagonisti di una mostra nel centro di Macerata e autori dei progetti per i murales realizzati sul perimetro di recinzione dell’azienda. Lo scorso anno è stata creata l’immagine ufficiale per la comunicazione natalizia della Questura di Macerata ed è stato poi organizzato un evento espositivo con tutte le opere grafiche e pittoriche realizzate. Tra i progetti più importanti degli ultimi anni, ricordiamo poi il progetto “Mani che parlano” (per il quale sono state realizzate opere scultoree), la decorazione del reparto di oncologia dell’ospedale di Macerata e dell’Hospice di Loreto.

Dopo la maturità

Con il diploma del Liceo Artistico, indirizzo di Arti figurative, si può accedere a tutte le facoltà universitarie e agli istituti di alta formazione artistica ed esso è valido sia per l’inserimento nel pubblico impiego mediante regolare concorso, sia nel settore privato, ovvero in tutte quelle attività che prevedono una figura che possieda abilità e competenze artistiche e progettuali. I percorsi universitari più affini sono l’Accademia di Belle Arti, le facoltà di Beni Culturali, Beni Archeologici, l’Isia e il DAMS. Le attività lavorative di tipo artistico progettuale sono tutte quelle relative ai settori dell’illustrazione, della progettazione di elementi decorativi, dell’interior decoration. Dopo il diploma lo studente potrà diventare un progettista di interni, un decoratore, uno scultore, un restauratore, un tatuatore, un fumettista, un tecnico nei laboratori di stampa artistica digitale e tipografica, un tecnico che lavora nei teatri o nello spettacolo per la realizzazione delle scenografie. Nel campo del web, potrà lavorare come grafico, web designer o fotografo. Infine potrà dedicarsi a tutti quei settori dell’artigianato nei quali è richiesta precisione, originalità e creatività.

Domande Frequenti

Materiali e strumenti di lavoro devono essere acquistati dagli alunni?

A scuola, nel laboratorio, gli alunni trovano tutto quello che è necessario per lo svolgimento dell’attività didattica in classe; inoltre vengono forniti agli studenti gli strumenti e i materiali che servono per la realizzazione di elaborati e attività relative ai progetti d’istituto e alla partecipazione ad eventuali concorsi. Tuttavia, soprattutto per il lavoro a casa, è necessario che ogni studente abbia un personale corredo di strumenti di base (almeno 6 pennelli) e di materiali (matite, pastelli, acquerelli, acrilici e album da disegno).

Quali sono le tecniche che vengono approfondite maggiormente?

Vengono approfondite tutte le tecniche grafiche e pittoriche di base: tecnica del disegno e del chiaroscuro a matita, sanguigna, carboncino e tecnica dell’acrilico, tempera, acquerello e olio. Vengono sperimentate anche le antiche tecniche pittoriche, come la tempera all’uovo e l’affresco.

Vengono organizzate mostre con i lavori degli studenti? Con quale frequenza?

Le mostre con i lavori degli studenti vengono organizzate sistematicamente, almeno un evento ad anno scolastico.

Vengono organizzate visite guidate a mostre d’arte o musei? 

Le visite alle mostre d’arte e ai musei, in particolare del territorio, ma non solo, fanno parte in modo organico della proposta didattica dell’indirizzo.

Si approfondiscono le tecniche di disegno del fumetto?

Il disegno fumettistico e le tecniche dell’illustrazione rappresentano una parte del programma didattico; inoltre si cerca di offrire ad ogni studente l’opportunità di approfondire i propri interessi specifici.

Si può disegnare anche con la tavoletta grafica o utilizzare tecniche di pittura digitale?

Le tecniche grafiche tradizionali sono le tecniche che caratterizzano il lavoro dell’indirizzo,ma il laboratorio è dotato anche di tavolette grafiche e di pc; la conoscenza e le abilità di base nell’uso delle tecnologie digitali rappresentano un obiettivo formativo della scuola, competenze indispensabili allo studente per un adeguato inserimento nell’attuale contesto artistico.

LICEO ARTISTICO "G. CANTALAMESSA" Via Fratelli Cioci 2 62100 Macerata T +39 0733 262198 mcsd01000d@istruzione.it mcsd01000d@pec.istruzione.it